C’eravamo Noi

Proprio così, c’eravamo noi, un’insieme di persone che si volevano un po’ di bene e di altre che si amavano ma non troppo, un’insieme di persone che formavano una micro società civile e mantenevano dei rapporti periferici ma costanti, apparentemente superflui.

E poi cosa è successo? Poi è arrivato quel brutto male che conosciamo tutti e allora ci siamo rintanai dentro le nostre case per mesi e mesi, tra i brevi intervalli di normalità e gli ormai digeriti coprifuoco, abbiamo trascorso l’ultimo anno e mezzo delle nostre vite. Gli amici e gli amori sono santi per noi, per carità, e allora abbiamo iniziato a videochiamarci e a condividere fra di noi di tutto e di più, dalle fettuccine alle nuotate con le mascherine.

E tutto quel mondo periferico, quella micro società civile piacevole e poco interessante dov’è finita? Dove siamo finiti? Si è estinta, morta e sepolta da un meteorite chiamato covid, vittima sacrificale della nostra frustrazione degna del migliore dei prigionieri. Abbiamo ucciso tutte quelle dinamiche frivole che ci univano al collega di lavoro vicino di stanza, all’amico di quartiere che si incontrava per caso 20 volte su 21, all’amica che poteva piacerti ma non troppo da dargli importanza in quarantena. Tutto finito, chiuso, devoluto in beneficenza ai legami forti, quelli che forse non sarebbero morti neanche volendo, quelli che restano i più importanti.

Involontariamente ci siamo chiusi nelle nostre cerchie massoniche fatte dei pochi ma buoni, impossibilitati a mantenere rapporti semplici fatti di gesti e casualità, di incontri e saluti in fila al bancone, di voglie superficiali e di sano opportunismo.

Personalmente credo che, tra le tante remissioni di questi mesi, abbiamo perso un frammento della nostra sensibilità e dell’amore per le cose marginali; abbiamo perso una serie di persone e cose poco importanti che sommate erano una buona parte del nostro oceano neurale, persone e cose che in fondo hanno sempre riempito di colori le nostre giornate.

Al momento però, il bianco e nero domina la nostra vista e la ricerca di una nuova normalità ci distrae dalle nostre maledette perdite.

4 pensieri su “C’eravamo Noi

  1. La nuova normalità è quella che cerchiamo tutti semplicemente perchè, inconsciamente, abbiamo escluso la possibilità di poter tornare alla vecchia normalità. Siamo tanti e variegati, ma la sensazione di equilibrio credo sia bella per tutti! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...