Parole Strappate

Chimere,

Mulini a vento,

Inutili combattimenti. Continue reading “Parole Strappate”

Annunci

Ponza – L’Alchimia del Mare

Ponza è una goccia malinconica in mezzo al mare, una goccia caduta milioni di anni fa che non si è mai mischiata a quel mare blu. Migliaia di anni e di tentativi di essere assorbita dal mare l’hanno stondata, allisciata, ammorbidita, le sue rocce sembrano levigate accuratamente da chissà quale artigiano e invece no, ha fatto tutto il mare geloso e il vento, suo amico.

Ponza

Continue reading “Ponza – L’Alchimia del Mare”

Leggerezze #3

Ti rendi conto che gli anni sono passati ma le tue debolezze sono rimaste lì. Ti ritrovi a sfiorare un vortice che ti ha portato alla follia anni prima e che pensavi fosse morto, sfinito, pensavi avesse finito la sua energia. E invece no, scopri che è ancora lì in tutta la sua bellezza.


Sto scrivendo un pezzo lunghissimo, forse la mia prima storia, il mio primo racconto. Una storia semplice, uno dei motivi per cui esiste questo blog o forse uno dei motivi per cui ho iniziato a scriverci per necessità e non solo per gioco.


Oggi ho visto una foto mia con mio fratello, una foto con una data particolare. E’ incredibile cosa possano fare le fotografie, possono immortalare un’emozione, un sorriso e una spensieratezza sì, la cosa assurda è che possono farlo cancellando qualsiasi cosa sia accaduta un attimo prima e qualsiasi cosa accadrà l’attimo seguente. Alle fotografie interessa solo quel preciso istante dell’universo, del resto non gli interessa nulla, ma di quell’istante imprigionano tutto, per sempre.


“Forse è solo questa la grande crudeltà del tempo, che per essere una irripetibile traccia sulla riva della vita, è necessario dissolversi.”

Leggo questa frase sul blog della porta accanto e non capisco se viene dall’autore del blog o dall’autore del libro recensito, a dire il vero non capisco neanche la frase, però che bella che è.


“Vuoi farmi una cattiveria? Cancellami dalla tua vita, sparisci, non cercarmi più e se mi vedi arrivare fuggi via.” Giuro che sono parole mie, le ho dette, neanche fossi nelle migliori soap di Hollywood.


Sgretolarmi e rinascere, sdraiato sul mio divano il venerdì prima di cena, le forze che scivolano via, Spotify per i poveri che mi passa le solite canzoni noiose scelte da lui.


Mentre pubblico queste leggerezze ascolto Tim Buckley. Artista poco noto, a volte noto per il semplice fatto di essere il padre di tale Jeff Buckley. Un tempo questa cosa mi faceva arrabbiare, non potete immaginare quanto il padre sia più bravo del figlio, quanto la sua voce rotonda e naturale, anche nel live più alcolico, sia una culla dove dondolare i propri neuroni.

Ma queste cose si sa, sono leggerezze.

Tormento

Stasera c’era un barbone sotto la mia nuova casa, un barbone che conosco bene. Lo vedo spesso dormire negli atrii dei negozi della mia via. Oggi era seduto su una panchina – sbragato più che seduto direi – rilassato si godeva una sigaretta prima di dormire. Mentre passavo ci siamo guardati, non so se lui mi conosce e non so cosa avrà pensato di me, un ragazzo con la faccia da bravo ragazzo che cammina con passo deciso di domenica sera ed entra in un bel portone della via. Io però di lui una cosa l’ho pensata, ho ricordato Continue reading “Tormento”

Una Storia – Anche Fossero Mille Candeline

Ho brindato a Te, con cosa? Campari ovviamente, ghiaccio e acqua frizzante, come piaceva a te e come fa impazzire a me. Non credo mi stuferà mai, forse anche un po’ per colpa tua.

E ti dirò di più, ci ho messo anche Frank Sinatra che mi ricordava bene come Tu hai fatto sempre tutto, tutto a modo tuo e da signore. Volume alto, altissimo.

Tanti hanno la presunzione  Continue reading “Una Storia – Anche Fossero Mille Candeline”